12.5 C
Comune di Monopoli
sabato 23 Gennaio 2021

3 case automobilistiche giapponesi

Il Giappone produce automobili quasi dallo stesso tempo dell’America.

Così come l’industria automobilistica americana è cambiata, lo stesso vale anche per il Giappone. Ad oggi, tuttavia, il Giappone ha ancora la più alta concentrazione di case automobilistiche di qualsiasi paese sulla terra: nove per l’esattezza.

Tre, tuttavia, sono dei veri e propri prodotti di spicco che producono non solo veicoli di alta qualità, ma che vanno ben oltre il Giappone in tutti gli angoli del pianeta. Diamo un’occhiata ai primi tre e al loro impatto sul mercato nordamericano dove, nonostante la presenza di altri brand, il made in Japan è riuscito a imporsi.

Toyota

Essendo la più grande di tutte le case automobilistiche giapponesi, la Toyota è al secondo posto rispetto alla General Motors nella produzione globale.

I veicoli Toyota furono introdotti per la prima volta sul mercato nordamericano negli anni ’60 e, all’epoca, erano ampiamente considerati dalla critica troppo piccoli e di qualità inferiore.

Alla fine degli anni ’70, i livelli di qualità della Toyota iniziarono a superare gli standard del settore.

Oggi alcuni considerano la Toyota il punto di riferimento in base al quale vengono valutate tutte le linee di automobili; la linea di veicoli di lusso Lexus dell’azienda e il marchio Scion di veicoli orientati ai giovani sono anche leader nelle rispettive classi.

Honda

L’unica cosa che manca a Honda rispetto a Toyota è la dimensione. Tuttavia, quando si confrontano i veicoli Honda con modelli Toyota comparabili, Honda detiene il proprio.

La prima Honda, una Civic, fu introdotta nel mercato nordamericano nel 1971 e fu presto seguita dall’Accordo e dal Preludio.

Di solito, l’Accordo affronta la Toyota Camry per il primo posto nelle vendite di auto statunitensi anno dopo anno, mentre la Honda Odyssey combatte la Toyota Sienna per il minivan di alta qualità (i minivan Chrysler sono ancora i migliori venditori).

Acura è la divisione di auto di lusso di Honda che ha anche gareggiato con successo con la gamma Lexus di Toyota.

Nissan

Toyota e Honda sono le uniche due case automobilistiche giapponesi completamente indipendenti rimaste oggi nel mondo poiché Nissan da allora ha ceduto il controllo a Renault, la più grande casa automobilistica francese. I primi Nissan a colpire il mercato nordamericano lo fecero negli anni ’60 con il nome del modello Datsun.

All’inizio degli anni ’80 il nome Datsun fu abbandonato a favore di Nissan e oggi il nome Nissan è equiparato ad alcune delle auto di migliore qualità sulla strada.

Alla fine degli anni ’80 Nissan lanciò la divisione Infiniti, un produttore di auto di lusso che combatte abitualmente con artisti del calibro di BMW, Lexus, Acura, Cadillac e Mercedes come fornitore leader di veicoli opulenti.

Così il gioco è fatto. Tre grandi marchi giapponesi che si sono fatti un nome. Potresti non possedere una Toyota, una Honda o una Nissan, ma c’è da dare atto: tutte e tre le case automobilistiche sono comprovate leader in un settore altamente competitivo a ogni cambiamento.

Potrebbe interessarti

- Advertisement -

Ultime News