in

Autostrade sempre più care: la classifica delle prime dieci

man holding the steering wheel while driving
Photo by Tobi on Pexels.com

Arrivati quasi alla fine di dicembre, possiamo sicuramente ricordare il 2022 come un anno pieno di avvenimenti sia negativi che positivi. Con lo scoppio del conflitto Russo-Ucraino e l’inizio della crisi energetica, i cittadini hanno dovuto far fronte al forte aumento del tasso di inflazione che colpisce il costo della vita in Italia. I prezzi sono infatti aumentati in molti settori, quali ad esempio quello energetico, alimentare, turistico e del carburante (basti pensare all’aumento del costo del metano e della benzina). 

<strong>Autostrade sempre più care: la classifica delle prime dieci</strong> 1

In particolare, quest’ultimo ha avuto un impatto significativo sul costo dei pedaggi autostradali. Infatti, Aspi (Autostrade per l’Italia S.p.a.) ha affermato che, sebbene negli ultimi 4 anni il costo dei pedaggi è rimasto invariato, a partire da Luglio 2022 le tariffe sono aumentate di circa l’1.5%. Infatti, nell’elaborazione del piano economico della rete Aspi, si è dovuto tener conto dell’aumento dei costi di energia e materie prime che ha caratterizzato in particolare la seconda metà del 2022. 

Quali sono le autostrade più care in Italia? 

Come abbiamo detto da Luglio 2022 il prezzo delle tariffe autostradali è aumentato in seguito all’aumento dell’inflazione e alla crisi energetica. Però, prima di vedere quali sono le autostrade più care, analizziamo quali sono i fattori che incidono sul costo dei pedaggi

In Italia sono circa 1.300 km i tratti non a pedaggio gestiti da Anas (Azienda Nazionale Autonoma delle Strade Statali) mentre 6.000 km sono quelli che vengono gestiti da privati e dunque soggetti al pagamento di un pedaggio. Infatti, i privati richiedono il pagamento di un pedaggio più o meno elevato agli utenti, in cambio della costruzione e gestione del tratto autostradale

Innanzitutto, il costo parte dalla tariffa base che dipende dai costi sostenuti per la costruzione e gestione dell’autostrada stessa. Specialmente in questo periodo a causa dell’aumento del prezzo dell’energia elettricità, il costo sostenuto dai privati è maggiore. In aggiunta, questa viene maggiorata in base  alla lunghezza e grandezza del tratto in sé, alla manutenzione richiesta e alla conformazione del territorio in cui l’autostrada è stata costruita. 

In generale però, i costi sono concordati tra la Società Concessionaria e l’Ente Governativo e regolati per mezzo della Concessione. Di seguito andiamo ad analizzare quali sono le tratte autostradali più care, indicando il costo per ogni 10 km percorsi

<strong>Autostrade sempre più care: la classifica delle prime dieci</strong> 2

Al primo posto troviamo l’A5 Torino-Monte Bianco con un pedaggio di 3,45 euro, seguita dalle tangenziali di Milano con 2,54 euro e l’A35 Brescia – Milano con 2,35 euro. Analizzando il grafico sopra notiamo come tra le 10 autostrade più care 3 collegano o sono in prossimità del capoluogo lombardo. 

Le Migliori e Peggiori Autostrade

Uno studio condotto da Altroconsumo ha chiesto a più di 1.700 cittadini di esprimere un giudizio da 1 a 100 sulle condizioni delle autostrade italiane che vengono percorse ogni giorno. I risultati prodotti da tale analisi hanno individuato le cinque migliori e peggiori autostrade in Italia. Vediamole di seguito: 

<strong>Autostrade sempre più care: la classifica delle prime dieci</strong> 3

Sul podio per le migliori autostrade in Italia, troviamo al primo posto l’A27 Venezia-Belluno che ha ottenuto un punteggio di 80/100, seguita da l’A22 Brennero-Modena e da l’A9 Lainate-Chiasso con entrambi un punteggio di 72/100. 

Al contrario, l’ultimo posto è occupato da l’A10 Genova-Ventimiglia con un punteggio di 42/100. Non da meno sono la A18 Messina-Catania con 46/100 e la A6 Torino-Savona con 53/100. 

Negli ultimi anni sono molti i lavori in corso sui tratti autostradali per migliorare le condizioni delle autostrade e garantire un servizio clienti adeguato. Chissà se in futuro verranno aumentate nuovamente le tariffe per gli utenti. Di certo, se così fosse, considerando i costi sostenuti dagli utenti, tra assicurazione auto e pedaggio, ci si aspetta almeno di ricevere un servizio più adeguato, senza code infinite dovute ai lavori in corso e condizioni dell’asfalto migliori. 

Fonte: https://energia-luce.it/news/autostrade-piu-care-ditalia/

Cosa ne pensi?

Scritto da Redazione Auto361

Hyundai i20: allo studio il restyling di metà carriera 6

Hyundai i20: allo studio il restyling di metà carriera

Fisker Karma: la particolare storia della berlina sportiva 7

Fisker Karma: la particolare storia della berlina sportiva