Mercato Auto Febbraio 2022: -22,6%

Secondo i dati diffusi dal CED del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, febbraio ha registrato 110.869 immatricolazioni di auto nuove, perdendo il -22,6% rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Nel primo bimestre 2022 i volumi totali si attestano a 218.716 unità, in calo del -21,1% rispetto alle 277.359 del periodo gennaio-febbraio 2021 (-36,4% sull’analogo periodo 2019).

“Come previsto, anche il secondo mese del 2022 ha chiuso in profondo rosso. Tuttavia, il dossier auto, troppo sottovalutato negli ultimi mesi, ha trovato finalmente un chiaro indirizzo politico, coerente con la transizione ecologica di un comparto dell’economia che contribuisce per il 12% alla ricchezza nazionale”, dichiara Adolfo De Stefani Cosentino, Presidente di Federauto, la Federazione dei concessionari auto.

“Infatti, il fondo unico pluriennale per il settore automotive, istituito dal Governo con il recente decreto ‘Energia’, che include anche gli incentivi di sostegno alla domanda, rappresenta un intervento di ampia portata nell’ambito della strategia complessiva più volte auspicata dalla Federazione e dalle Associazioni automotive, volta sia alla riconversione e all’accompagnamento di tutta la filiera, sia al rinnovo in chiave green del parco circolante autovetture italiano, tra i più datati, inquinanti e insicuri in Europa. Ora – prosegue De Stefani – pur nella piena consapevolezza delle priorità del Governo connesse alle gravissime e drammatiche vicende internazionali di questi giorni, di cui auspichiamo una soluzione pacifica attraverso la diplomazia, attendiamo una rapida definizione del provvedimento operativo che dovrà stabilire modalità, criteri e ripartizione delle risorse destinate all’acquisto dei veicoli non inquinanti, altrimenti l’effetto combinato dell’attesa e dei ritardi nelle forniture di veicoli si tradurrà in un’ulteriore frenata del mercato auto. A queste preoccupazioni si aggiunge anche il forte aumento del prezzo del carburante, sia fossile sia elettrico, che rischia di deprimere ulteriormente il comparto”.

“Resta, invece, ancora aperta la partita europea connessa al pacchetto legislativo Fit for 55.  Puntare solo sulle motorizzazioni esclusivamente elettriche potrebbe generare un fatale effetto boomerang tale da compromettere le dinamiche collegate alla catena del valore di un settore fondamentale del Paese. Nel rispetto del principio di neutralità tecnologica – continua il Presidente De Stefani – va rielaborata la strategia della decarbonizzazione e dunque rivista la decisione relativa al definitivo abbandono dei motori endotermici delle autovetture nel 2035. La chiarezza su questo aspetto è fondamentale per non turbare le decisioni di acquisto, deprimere i valori residui dei veicoli ed impattare ulteriormente sugli equilibri economici e occupazionali delle reti di vendita e della filiera in generale”.

“Infine, – conclude De Stefani – non dimentichiamo che tra i fattori abilitanti allo sviluppo di una mobilità a più basse emissioni rientra la revisione generale della fiscalità sull’auto aziendale e una rete di ricarica elettrica adeguata”.

Dal punto di vista dei canali di vendita, quello dei privati risulta fortemente depresso (-26%) per effetto dell’indecisione negli acquisti da parte della clientela e delle forti preoccupazioni economiche legate anche allo scenario politico internazionale e al ritorno dell’inflazione nei settori dell’energia e dei carburanti. Nel mese appena trascorso i privati raggiungono una rappresentatività del 62,8% (65% nel periodo gennaio-febbraio 2022). In flessione anche le immatricolazioni delle società (-15,2%) e del noleggio (-16,6%) che arrivano ad una quota di mercato rispettivamente del 14,4% e 22,7% (14,7% e 20,3% di quota nei primi due mesi dell’anno).

Sul fronte delle alimentazioni, per la prima volta le vetture BEV (elettriche pure), in assenza di sostegni all’acquisto, registrano una flessione tendenziale del -8,8%, la progressione sull’anno è comunque positiva al +14,2% (quota di mercato del 2,8% nel mese e del 3,1% nel primo bimestre 2022), così come le HEV (cioè le elettrificate senza ricarica) cedono il -7,3% (quota mese del 34,6%, quota bimestre 34,8%). Le plug-in, invece, grazie ancora alla dote di ordini ereditati dal 2021 e non ancora evasi per via dei rallentamenti produttivi e dei dilatati tempi di consegna, registrano una crescita del +10,1% (quota mese del 4,9%, quota bimestre 5%). Prosegue la contrazione delle vetture a benzina (-37,7%) e diesel (-32,7%), giunte rispettivamente a una quota del 26,6% e 21,5% nel mese (26,9% e 20% nel cumulato); in crescita le alimentazioni a GPL (+24,7%), in calo il metano (-58,9%) con market share rispettivamente al 8,4% e 1,3% nel mese, sostanzialmente allineate nel bimestre.

Negli ultimi tre giorni di febbraio è stato immatricolato il 35,6% del totale mercato, mentre le auto-immatricolazioni di case e concessionari, secondo le elaborazioni sui dati Dataforce, hanno rappresentato il 9,1% dei volumi di vendita mensili.

Total
7
Shares
Articolo precedente

BFGoodrich ACTIVAN 4S: un pneumatico quattro stagioni per veicoli commerciali

Articolo successivo

Nuova 500 si aggiudica il titolo di Best City Car agli UK Car of the Year Awards

Potrebbe interessarti