Mercato Auto Luglio 2022: frena la caduta (-0,8%)

Il mercato italiano delle auto nel mese di luglio ha registrato 109.580 immatricolazioni,  chiudendo quasi in pareggio (-0,8%) nel confronto con lo stesso mese del 2021, dopo un  semestre di pesanti cali a doppia cifra. L’anno scorso, però, luglio con 110.514 unità aveva  registrato a sua volta -19,2% sul 2020 e -27,9% sul 2019.

I dati di luglio 2022

Col dato di luglio, nei primi sette mesi il volume delle immatricolazioni si ferma a 793.856  unità, pari a un crollo del 20,3% rispetto al 2021 e del 35,8% rispetto al 2019. 

Il tiraggio degli incentivi per le fasce 0-20 e 21-60 g/Km di CO2 prosegue con lentezza anche  a luglio, ad un ritmo tale che per fine anno si calcola un mancato utilizzo dei fondi del 62% per  la fascia più bassa di emissioni e dell’82% per la fascia 21-60 g/Km. In totale rimarrebbero non  utilizzati oltre 300 milioni. 

L’UNRAE indica nella riduzione del price-cap per l’accesso agli incentivi – misura peraltro  distorsiva della concorrenza – e soprattutto nella esclusione di aziende e noleggi, le cause del  lento utilizzo dei fondi a disposizione. Per questo motivo continua a sollecitare la tempestiva  introduzione di opportuni correttivi, anche all’interno del decreto Aiuti 2. 

“Nel primo semestre 2022 il 51% delle vetture a bassissime e basse emissioni fino a 60 g/Km,  sono state acquistate da noleggiatori, enti e società, canali che coprono il 32% del mercato totale  delle auto: una prova evidente che l’inclusione delle persone giuridiche fra i beneficiari degli  incentivi è indispensabile per rilanciare in maniera ampia ed efficace la transizione energetica  in atto”, fa osservare il Presidente dell’UNRAE Michele Crisci. 

“In subordine – aggiunge – è almeno necessario estendere gli incentivi ai privati che  utilizzano il noleggio a lungo termine, una categoria di consumatori esclusa senza motivo,  attuando nei loro confronti una discriminazione senza motivo, operata in base alla modalità di  approvvigionamento della vettura”.  

L’UNRAE ricorda che nel primo semestre 2022 i contratti di noleggio a lungo termine a  privati hanno rappresentato una quota di circa l’11% nel mercato delle vetture con emissioni  fino a 60 g/km.  

“Inoltre – afferma il Presidente Crisci – in tema di transizione è nostro dovere insistere  ancora per accelerare l’infrastrutturazione del Paese. Urge ormai un puntuale cronoprogramma  con tempi, luoghi, tipologie di colonnine da installare e chiara indicazione dei soggetti  incaricati di effettuare gli investimenti. E servono misure volte a incentivare la diffusione di  infrastrutture di ricarica privata”. 

L’UNRAE ha accolto con favore, nel DL MIMS 2 approvato dal Senato, il via libera alla  proroga dal 30 giugno al 30 settembre 2022 del termine di conferma delle prenotazioni dei  contributi dell’ecobonus inserite nella piattaforma informatica tra il 1° luglio e il 31  dicembre 2021, una misura sollecitata a più riprese dall’UNRAE stessa, per sanare l’esclusione  dalla proroga dei veicoli prenotati dal 1° luglio al 30 settembre 2021. 

Dall’analisi della struttura del mercato di luglio per utilizzatore emerge un calo dei privati del 9,2%, che perdono 5,4 punti di quota, scendendo al 56,3% (59,3% nei 7 mesi). Le  autoimmatricolazioni, con la performance peggiore fra i canali, scendono all’8,5% del totale, in  linea con il cumulato gennaio-luglio. In ottimo recupero il noleggio a lungo termine (sia Top  che Captive), che incrementa di oltre 1/5 le immatricolazioni del mese, portandosi al 21,1% di  quota (+3,7 p.p.) e al 21,2% nei 7 mesi. Buona la ripresa anche del noleggio a breve, che sale al  7,8% di quota, guadagnando 3,3 punti (4,9% nel cumulato). In leggera crescita anche le società  che acquistano due decimali, al 6,3% di share (6,1% in gennaio-luglio). 

Il dettaglio per alimentazione mostra un’inversione di trend per il motore a benzina che  torna al segno positivo, sfiorando il 30% delle preferenze (+2,6 p.p., al 27,9% nei 7 mesi), mentre  il diesel – con volumi in calo a doppia cifra – perde oltre 2 punti, fermandosi al 20,7%, in linea  con il cumulato. In flessione anche il Gpl che perde mezzo punto, al 7,9% del totale, mentre un 

nuovo pesantissimo crollo fa arretrare il metano allo 0,6% del mercato (1% nel cumulato). Le  vetture ECV, nonostante gli incentivi, segnano decisi ridimensionamenti di quota: le PHEV,  con un calo dei volumi del 19,2%, scendono al 4,6% (-1,1 p.p.), la quota peggiore dell’anno, e  le BEV al 3,3% delle preferenze (-29,2% dei volumi), su una share di minimo (rispettivamente  al 5,3% e 3,6% nei 7 mesi). Crescono nel mese le ibride che arrivano al 33,1% di share, in linea  con il cumulato gennaio-luglio; con un 9,7% per le “full” hybrid e 23,4% per le “mild” hybrid. 

Andamenti differenziati caratterizzano i segmenti: le city car (seg. A) perdono 3,5 punti,  fermandosi al 13,7%, un lieve calo interessa i segmenti C e D, rispettivamente al 31,3% e 12,6%  del totale, mentre un calo a doppia cifra fa scendere il seg. E all’1,6% di quota. Un ottimo  andamento di crescita interessa le utilitarie del seg. B che arrivano al 40,3% di quota e l’alto di  gamma, allo 0,4%. 

Fra le carrozzerie, i SUV arrivano al 54,4% del mercato di luglio, con i crossover al 43,8% e  i fuoristrada al 10,6% (rispettivamente 42,7% e 10,7% nei 7 mesi), in seconda posizione le  berline al 38,9% (-2,7 p.p., al 40% nel cumulato). 

Dal punto di vista delle aree geografiche, si portano in terriotorio positivo il Nord Ovest (al  30,2%) il Nord Est (al 32%), grazie alla spinta del noleggio, e l’area del Centro (al 22,2%), mntre  un calo a doppia cifra fa scendere l’area meridionale al 10,5% e quella insulare al 5,1% del totale. 

Le emissioni medie di CO2 delle nuove immatricolazioni in luglio crescono dello 0,7% a  120,0 g/Km. Nei 7 mesi le stesse sono pari a 118,5 g/Km (-3,0%).  

L’analisi delle immatricolazioni di luglio per fascia di CO2 riflette da vicino l’andamento nel  mese di auto BEV e PHEV: infatti, la fascia 0-20 g/Km rappresenta il 3,3% del mercato, la quota  della fascia 21-60 g/Km è pari al 4,4%. Sale al 65,4%, la quota della fascia 61-135 g/Km, mentre quella delle vetture da 136 a 190 g/Km si porta al 22,5%, e quella della fascia oltre i 190 g/Km al 2%.

Total
0
Shares
Articolo precedente

Guida definitiva alla manutenzione dell'auto: Cosa fare in estate

Articolo successivo

Mercedes-AMG GT: nuove indiscrezioni sulla seconda generazione

Potrebbe interessarti