Moto, come preparare il rimessaggio invernale

L’inverno è la stagione certamente meno favorevole per i motociclisti: il clima è più rigido e piovoso, le giornate di bel tempo scarseggiano, così come le possibilità di organizzare un’escursione in sicurezza. Durante il periodo invernale, infatti, le strade sono tendenzialmente umide, per via dei residui di pioggia o di neve che, spesso, si tramutano in fango. Ragion per cui, molti appassionati delle due ruote, al tramonto della bella stagione, optano per il rimessaggio della moto. Di seguito, vediamo di cosa si tratta e come preparare al meglio il proprio mezzo per ‘parcheggiarlo’ in vista di un lungo periodo di inutilizzo.

Cos’è il rimessaggio invernale della moto

Il rimessaggio è una pratica molto comune tra automobilisti e motociclisti, nonché tra i soggetti che fanno un uso professionale di veicoli a motore. In linea di massima, consiste nel ‘fermare’ il mezzo, parcheggiandola in una rimessa o in altro tipo di locale o struttura idonei per un periodo che oscilla tra i tre e i sei mesi. Prima, però, è necessario approntare un adeguato ‘trattamento’, per preparare la moto in maniera tale da ritrovarla perfettamente funzionante e pronta all’uso anche dopo alcuni mesi di mancato utilizzo su strada.

Pulizia della moto e della catena

La prima cosa da fare per preparare la moto al rimessaggio è pulirla accuratamente. Per facilitare questa operazione, è consigliabile utilizzare un detergente universale. Il procedimento da seguire è molto semplice: dopo aver rimosso i residui più grossolani di sporco, bisogna lavare accuratamente le superfici, avendo cura di risciacquare bene ogni parte così da non lasciare tracce né del detergente né di schiuma. Fatto ciò, bisogna asciugare le varie parti della moto, utilizzando un panno asciutto e pulito, meglio se in microfibra. Per completare l’asciugatura, è possibile utilizzare anche un compressore, utile soprattutto per raggiungere le zone meno accessibili della carrozzeria. Fatto ciò, bisogna pulire la catena della corona e del pignone; a tale scopo, bisogna procurarsi del petrolio bianco o un altro prodotto specifico. Questa operazione serve a preservare l’organo dall’usura anche quando la moto viene utilizzata regolarmente.

Controllo degli accessori

Pulire la moto serve non solo ad evitare che lo sporco intacchi le superfici ma permette di individuare più facilmente eventuali danni quali graffi e piccole ammaccature non sempre visibili a occhio nudo. Lo stesso dicasi per le parti accessorie quali, ad esempio, le frecce o gli specchietti. La preparazione al rimessaggio è l’occasione ideale per controllare la dotazione degli accessori della propria moto e, se necessario, sostituire quelli difettosi. A tal proposito, è possibile affidarsi ad un e-commerce specializzato come Omniaracing per individuare il prodotto più adatto alle proprie esigenze, dal momento che in vista del rimessaggio non c’è urgenza di avere a disposizione.

Manutenzione delle gomme e della batteria

Un’altra parte importante della preparazione di una moto al rimessaggio invernale è quella che riguarda gli pneumatici. Per evitare che si deformino, è necessario parcheggiare la motocicletta sopra una coppia di cavalletti, in maniera tale che le gomme non tocchino per terra e si ovalizzino. In alternativa, è bene far rotolare il mezzo regolarmente, così da variare il punto di appoggio della gomma. Alla fine del rimessaggio, in vista del ritorno su strada del mezzo, sarà necessario in ogni caso verificare la pressione di gonfiaggio.

Infine, è necessario occuparsi della batteria. Se la moto verrà parcheggiata in un luogo coperto e chiuso, è sufficiente collegarla ad un mantenitore di carica, così che non si scarichi durante il periodo di rimessaggio. Di contro, se il veicolo viene lasciato all’esterno, è meglio rimuovere la batteria e conservarla in un luogo asciutto e pulito. Una volta completata la preparazione sopra descritta, il mezzo va parcheggiato coperto da un telo coprimoto.

L’articolo Moto, come preparare il rimessaggio invernale sembra essere il primo su Lifestyle Blog.

Total
0
Shares
Articolo precedente

Subaru Crosstrek: la SUV compatta che sostituirà la XV

Articolo successivo

Kia Sorento: allo studio la versione X-Pro per il fuoristrada

Potrebbe interessarti