RC auto, convengono davvero le assicurazioni online?

Il numero di automobilisti che negli ultimi tempi sta stipulando RC auto online è costantemente in aumento.

La praticità di non doversi recare in più filiali per conoscere il prezzo che si dovrà pagare e la comodità di poter consultare, con tutta calma, le condizioni e le estensioni di copertura proposte da ogni compagnia, sembrano essere le ragioni per cui i contraenti preferiscono questa nuova formula di attivazione.

C’è un’altra motivazione, probabilmente più incisiva rispetto a quelle appena citate, le offerte proposte dalle direct company sono più vantaggiose rispetto a quelle tradizionali.

La ragione è presto detta, queste ultime, non dovendo sostenere costi di gestione dell’intermediazione, come le classiche agenzie territoriali, e possono permettersi di tenere i costi più bassi a parità di sicurezza.

La domanda che molti si pongono, però, è se ne valga davvero la pena.

Fermo restando che ogni compagnia applica le tariffe in base alle proprie politiche di prezzo e a tutta una serie di fattori oggettivi che riguardano la posizione di ogni singolo automobilista e le medie territoriali, in linea di massima la stipula online rappresenta un ottimo compromesso in termini di sicurezza, innovazione e competitività.

Questo è ancor più vero se si tengono presenti player storici nel comparto delle assicurazioni online, come Genertel, direct company da sempre attenta alle esigenze dei clienti.

Certo, anche questo mercato sta diventando concorrenziale e mettere a confronto tutti i preventivi può richiedere tempo.

Per questo è importante conoscere a fondo la storia del player preso in considerazione, il tipo di protezione che offre, l’affidabilità e la trasparenza dei servizi e le politiche di prezzo che applica.

Se, da una parte, è vero che ci sono variabili oggettive che incidono sui prezzi della RCA, d’altra parte ci sono alcuni punti da valutare attentamente prima di stipulare, perché sono a completa discrezione delle diverse compagnie.

Tra questi ultimi rientrano i limiti di copertura assicurativa, in caso di danni provocati ad altri mezzi o persone. In particolare, i parametri a cui stare attenti sono la franchigia, somma che l’assicurato è comunque tenuto a corrispondere a integrazione del risarcimento da parte dell’assicurazione, e massimale, la cifra massima rimborsata dalla compagnia.

Tante volte, premi eccessivamente bassi possono comportare limiti poco convenienti che espongono l’assicurato al rischio di sborsare cifre piuttosto elevate in caso di sinistro.

Generalmente, compagnie storiche e big player di settore adottano massimali e franchigie congrue rispetto alle offerte proposte.

Altri fattori che influenzano il valore della polizza riguardano la classe di merito attribuita, che in ordine da 1 a 14 implica costi minori per quelle più alte e costi maggiori per le ultime.

Le logiche di attribuzione riguardano il numero di incidenti causati durante l’anno, che fanno perdere posizioni, e l’esperienza alla guida. Di solito a un neopatentato viene attribuita l’ultima classe, proprio per la sua inesperienza al volante e maggiore probabilità di causare sinistri. Per questi ultimi, un ottimo modo per risparmiare è richiedere l’applicazione della legge Bersani, che consente di ereditare la migliore classe di merito presente nel nucleo famigliare.

Anche la formula di guida esercita la sua influenza sul prezzo, se esperta o esclusiva si pagherà meno, se libera, il premio sarà più alto.

Non meno importante, ancora, è la scelta delle garanzie accessorie che estendono la tutela del mezzo in particolari circostanze dannose. Includerle nel contratto implica un esborso maggiore di denaro, ma amplia le possibilità di risarcimento da parte delle compagnie proprio al verificarsi degli eventi funesti. Genertel, in questo senso, ne incoraggia la scelta, proponendo da un lato un ventaglio variegato e assortito di garanzie aggiuntive, dall’altro applicando particolari sconti sulla polizza all’aumentare di quelle incluse nel contratto.

Last but not least, l’ultima variabile che permette di ottenere uno sconto sulla polizza è l’installazione della black box, che per i contratti stipulati con Genertel arrivano fino al 20% in meno, sia alla stipula del contratto che al suo rinnovo.

Total
0
Shares
Articolo precedente

Cresce l'automotive del futuro a Torino. CPM inaugura nuova sede

Articolo successivo
Volvo

Volvo Cars registra vendite pari a 47.150 auto in aprile, con una quota di auto elettrificate in aumento al 38,4%

Potrebbe interessarti