Rover 75: l’ultimo modello del costruttore britannico

Rover 75: l’ultimo modello del costruttore britannico 12

Nel 1999 debuttò la Rover 75, sviluppata in sinergia con BMW. Destinata a sostituire sia la media Serie 600 che la grande Serie 800, la berlina britannica misurava 475 cm in lunghezza e 275 cm nel passo, mentre il volume del bagagliaio ammontava a 432 litri.

La Rover 75 era disponibile con le motorizzazioni a benzina 1.8 16V da 120 CV, 2.0 V6 da 150 CV e 2.5 V6 da 177 CV, affiancate dall’unità diesel 2.0 CDT da 116 CV di potenza. La gamma, invece, era declinata negli allestimenti Classic, Club e Connoisseur. Nel 2001, fu introdotta la variante station wagon Tourer da 400 litri di capacità minima e 1.222 litri di capienza massima. Tra le novità del 2002 figuravano il motore 1.8 Turbo a benzina da 150 CV e il propulsore 2.0 CDTi a gasolio da 131 CV di potenza, più la versione Business per l’omonima clientela.

Nel 2004, la gamma della Rover 75 fu ampliata con gli allestimenti Contemporary, Executive e Sterling. Tuttavia, le maggiori novità debuttarono nel 2005, ovvero la variante Limousine a passo lungo da 495 cm di lunghezza e 295 cm di interasse, nonché la sportiva 75 V8 con il motore a benzina 4.6 V8 da 260 CV di potenza, abbinato alla trazione posteriore e condiviso con la MG ZT.

Infatti, a partire dal 2001, la Rover 75 è stata affiancata dalla MG ZT, modello ‘alter ego’ in chiave sportiva con il propulsore a benzina 2.5 V6 da 190 CV. Successivamente, è stata proposta come ZT-T con la carrozzeria station wagon nel 2002, ma anche con il motore a benzina 1.8 16V da 160 CV e l’unità diesel 2.0 CDTi da 131 CV nel 2003. Sia la Rover 75 che la MG ZT sono uscite definitivamente di scena nel 2005, dopo il fallimento del gruppo automobilistico britannico MG Rover.

L’articolo Rover 75: l’ultimo modello del costruttore britannico sembra essere il primo su Lifestyle Blog.

Torna in alto
Generated by Feedzy