Un motore elettrico di nuova generazione per il settore automotive: l’unione francese

Il Gruppo Renault, Valeo e Valeo Siemens eAutomotive annunciano la firma di un protocollo d’intesa per stabilire una partnership strategica per la progettazione, sviluppo congiunto e produzione in Francia di un motore elettrico di nuova generazione per il settore automotive, che consenta di eliminare le terre rare.

I tre partner metteranno insieme i loro rispettivi know-how e le ben note competenze per progettare un sistema di propulsione elettrica esclusivo e senza pari nel mondo: più potenza, per un fabbisogno energetico inferiore e senza terre rare.  

Nell’ambito della partnership, ognuna delle tre aziende contribuirà allo sviluppo e alla produzione dei due principali componenti del motore elettrico: rotore e statore.

Renault svilupperà e produrrà un rotore basato sulla tecnologia EESM (Electrically Excited Synchronous Motor o motore sincrono a eccitazione elettrica). Progettato senza terre rare, consente di incrementare il rendimento energetico. Oltre alla fornitura di componenti basati sulle migliori competenze dei singoli partner, anche l’architettura generale del motore all-in-one per il Gruppo Renault sarà progettata da Renault.

Valeo e Valeo Siemens eAutomotive svilupperanno e produrranno lo statore, risultato dell’eccellenza tecnologica di Valeo nell’assemblaggio dei fili di rame. Grazie al suo esclusivo know-how in quest’ambito, che consente di incorporare nello statore una maggiore densità di rame, Valeo è in grado di generare più potenza senza consumare più energia elettrica.  

Il Gruppo Renault, Valeo e Valeo Siemens eAutomotive saranno, quindi, i primi a produrre su vasta scala un motore elettrico da 200kW progettato senza terre rare già dal 2027. La produzione del motore per rispondere al fabbisogno del costruttore automobilistico avverrà presso lo stabilimento Renault di Cléon, in Normandia.

Total
7
Shares
Articolo precedente

Le 10 auto protagoniste delle scene più romantiche dei film

Articolo successivo

Stop and go: la puntata del 12 febbraio

Potrebbe interessarti